Lo Sbiancamento Dentale

Non lasciatevi ingannare dai kit di sbiancamento dei denti che si possono acquistare al supermercato o in farmacia poiché la quantità di perossido (sia quello d’idrogeno che quello di carbamide) consentito nei prodotti “da banco” non è abbastanza forte per sbiancare efficacemente i denti.

Al contrario si può utilizzare un kit sbiancante fornito dal vostro dentista di fiducia. Lo specialista vi preparerà un calco della vostra bocca. Andrà indossato sempre insieme ad un gel sbiancante per quattro ore ogni giorno (durante la notte è il momento migliore se riuscite a sopportarlo) per due settimane. Con questa metodica i denti possono diventare bianchi fino ad otto tonalità, dobbiamo però essere consapevoli che possiamo temporaneamente avere un po’ di ipersensibilità ai denti.

Un’alternativa per lo sbiancamento dentale è rappresentata dal laser:  questo processo è solitamente realizzato in una sola visita dal dentista, ciò riduce la  necessità di un uso ripetuto del gel sbiancante. I risultati in questo caso sono istantanei, già un’ora dopo la procedura. Anche in questo caso si applica sul dente il gel che viene però “aiutato” nel suo lavoro dal laser a luce controllata che può sbiancare fino a 10 tonalità.

In caso i denti siano molto rovinati oppure particolarmente macchiati si applicano delle faccette di ceramica del colore bianco. Vengono incollate sulla parte frontale dei denti (solitamente da canino a canino), durano per moltissimo tempo per regalare una forma ed un sorriso perfetto. Quest’ultimo metodo è quello più utilizzato da parecchi vip e star della televisione e del cinema per avere denti perfettamente bianchi ed allineati.

Consigli per prevenire le macchie sui denti: il primo suggerimento, il più ovvio, è quello di lavarli sempre dopo i pasti, utilizzando “ogni tanto” dei dentifrici sbiancanti.

Dentifricio_sosdentista

Il vino rosso, il caffè, bibite che contengono coloranti, il fumo della sigaretta e del sigaro contribuiscono a macchiare i denti. Se particolarmente predisposti all’ accumulo di tartaro effettuare una pulizia ogni 3 mesi.